Nissan, Codici a Luisa Di Vita, nuovo direttore comunicazione: auspichiamo una maggiore attenzione ai consumatori, il problema della Qashqai ancora persiste

Vota questo articolo
(0 Voti)
LuisaDiVita
Recentemente Luisa Di Vita è stata nominata Direttore della Comunicazione in Nissan Italia, in particolare con il ruolo di Communications General Manager, riportando direttamente all’Amministratore Delegato Bruno Mattucci e funzionalmente al Vice President Communications di Nissan Europe, Matthew De La Haye.
“Nuovo corso per la Nissan – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – Almeno questo è quanto auspichiamo, viste le recenti problematiche che i cittadini hanno riscontrato con il modello Qashqai, nota autovettura dell’azienda. Ci auguriamo che la Dott.ssa Di Vita mostri una maggiore attenzione ed un più alto interesse verso la tutela dei diritti dei consumatori, che ultimamente hanno lamentato rilevanti disagi”.
Da tempo, infatti, molti possessori della Nissan Qashqai 1600 si stanno rivolgendo all’Associazione Codici per lamentare le problematiche avvenute con l’installazione dell’impianto GPL. La problematica, nello specifico, riguarda la tipologia delle valvole utilizzate, le quali non risultano conformi alla tipologia del motore della vettura interessata, poiché l’aumento delle temperature dei gas di scarico determinerebbe un allungamento eccessivo delle stesse, con conseguenze letali non solo per quest’ultime, ma anche per l’intero motore. Nelle segnalazioni si citano sempre complicazioni nell’accensione della spia gialla, apposta nel quadro, durante la marcia del veicolo. Tali difficoltà hanno ovviamente portato gli utenti a recarsi presso le autofficine della Nissan per provvedere alle riparazioni, un imprevisto di per sé spiacevole, aggravato ulteriormente dai lunghi tempi di attesa necessari per la restituzione delle vetture. Fa riflettere il fatto che un numero rilevante di persone abbia riscontrato sempre le stesse problematiche nella stessa automobile. Inoltre, tutti i consumatori sono stati costretti a riparare il guasto dovuto all’accensione della spia, o all’arresto forzato del veicolo legato al cambio con impianto GPL, oltre che provvedere al cambio della testata dell’auto, totalmente a proprie spese. Insomma, sembrerebbe che la vettura non sia proprio adatta all’impianto gpl e, ad aggravare il tutto, vanno considerate anche le risposte della Nissan, non particolarmente cortesi, pervenute ai consumatori che rendevano note le importanti problematiche.
Sono questi i motivi che fanno auspicare al Codici un cambio di rotta con l’arrivo del nuovo Direttore Comunicazione dell’azienda. Un approccio più attento alla qualità e al rapporto con il consumatore.
Letto 955 volte
codici-dacci-il-5