Blackout Wind, fissata l’udienza per la Class Action l’11 gennaio.

Vota questo articolo
(1 Vota)
Codici: continua la lotta per riconoscere i diritti dei consumatori danneggiati!
 Codici porterà in tribunale ineccepibili argomentazioni per assicurarsi che i suoi assistiti abbiano il giusto risarcimento per i danni subiti.
Ricordiamo i fatti:il 13 giugno scorso ci fu un blackout sulle utenze Wind di circa 8 ore durante il quale 25 milioni di utenti sono stati impossibilitati a lavorare, comunicare, chiedere soccorso, orientarsi, ecc.
Insoddisfacenti le precedenti risposte sull’argomento da parte di Wind che riconosceva pochi centesimi ai consumatori per ogni ora di disagio. Per tutelare questi ultimi, Codici ha diffidato Wind a riconoscere 100euro pro-capite ai subenti il danno.
Codici chiederà al Tribunale di dichiarare l’ammissibilità della class action.
Ivano Giacomelli dichiara: “È indiscusso che i consumatori abbiano subito gravi conseguenze  soprattutto economiche  dal disservizio dell’azienda di telecomunicazioni;  non essendo, per molte ore, in grado di lavorare, comunicare e utilizzare internet. Chi aderisce ad una class action identifica un importo comune per il risarcimento a prescindere dal danno effettivo subito, come potete bene immaginare per molti è stato più grave che per altri. Riteniamo che i 100€ siano una cifra alquanto simbolica, ma quantomeno è stata comunemente individuata e approvata.”
Letto 1797 volte
codici-dacci-il-5