Codici ha predisposto una diffida inibitoria nei confronti delle 9 società di calcio della Serie A che hanno inserito clausole vessatorie nelle condizioni generali di contratto, come accertato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato al termine dei procedimenti istruttori, a cui l'associazione dei consumatori ha preso parte.

Pubblicato in Cronaca
L'associazione Codici è pronta a fare la sua parte nel procedimento avviato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nei confronti di Dentix e di alcune società finanziarie, nello specifico Cofidis, Fiditalia e Deutsche Bank.
Pubblicato in Sanità
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha formulato alcune osservazioni sulla disciplina delle modalità di pagamento alle Amministrazioni Pubbliche che - soprattutto per quanto riguarda l'identificazione dei metodi di versamento veicolati attraverso la piattaforma PagoPA e la tempistica di attuazione - è stata oggetto di modifiche, deroghe e proroghe che hanno creato incertezza nei soggetti coinvolti.
Pubblicato in Economia e Finanza

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un'istruttoria nei confronti di Google ipotizzando un abuso di posizione dominante.

Pubblicato in Cronaca
Svolta importante per tutti gli appassionati di videogames.
Pubblicato in Cronaca

Il 10 ottobre 2020 si è celebrato il 30° anniversario dell'entrata in vigore della legge Antitrust e dell'istituzione dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

Pubblicato in Cronaca
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un'istruttoria nei confronti di 13 società attive nella fornitura di energia elettrica e gas sul mercato libero.
Pubblicato in Energia

finanziamento, oggetto di richiesta del consumatore alla finanziaria, e prodotti assicurativi non connessi al prestito.

Pubblicato in Economia e Finanza
Lunghe perdite di tempo e di denaro per poter ritirare le raccomandate non consegnate in maniera diligente.
Pubblicato in Cronaca
Si apre uno spiraglio nella vicenda dei rimborsi per i tifosi in caso di partita rinviata.


Il Napoli apre ai rimborsi

La SSC Napoli S.p.A. ha accolto l’invito dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a rimuovere i profili di possibile vessatorietà di alcune clausole presenti nelle condizioni contrattuali del Regolamento dello stadio San Paolo e nelle Condizioni di abbonamento 2019-2020.

Un esempio da seguire

“In caso di rinvio della partita – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – il Napoli rimborserà il biglietto, se richiesto dal consumatore. Ci aspettiamo che le altre società oggetto dei procedimenti istruttori avviati dall’Autorità, di cui siamo parte, seguano l’esempio del club partenopeo. Le clausole contenute nelle condizioni generali di contratto relative all’acquisto dell’abbonamento e dei biglietti per le singole partite sono vessatorie, devono essere modificate. Il consumatore ha diritto al rimborso in caso di partita giocata a porte chiuse o con settori dello stadio chiusi e di partita rinviata, anche per fatti non imputabili al club”.

Gli undici club al vaglio dell'Antitrust 

Al momento sono in corso undici procedimenti istruttori da parte dell’Antitrust nei confronti di: Atalanta Bergamasca Calcio S.p.A., Cagliari Calcio S.p.A., Genoa Cricket and Football Club S.p.A., F.C. Internazionale Milano S.p.A., S.S. Lazio S.p.A., A.C. Milan S.p.A., Juventus Football Club S.p.A., A.S. Roma S.p.A., Udinese Calcio S.p.A., Brescia Calcio S.p.A. e Unione Sportiva Lecce S.p.A..
Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 17