Mercoledì, 11 Maggio 2016 10:10

Codici chiede il processo nei confronti di fotovideostore.it. Un sito che riceveva ordini di acquisti online e incassava i soldi senza mai consegnare la merce.

Vota questo articolo
(1 Vota)

L’udienza è fissata per il 15 giugno. Le vittime sono invitate a segnalare la loro disavventura all’associazione.

Il Sito “Fotovideostore.it” vendeva prodotti audio e video a metà del loro valore di mercato e quindi l’appetibilità dell’offerta invogliava il visitatore all’acquisto, ma poi le promesse venivano disattese.
Dopo le numerose denunce e segnalazioni, ricevute da Codici nel 2013 da consumatori che hanno passato innumerevoli peripezie dopo l’acquisto sul sito, un’accurata indagine è stata avviata da Codici per riscontrare se ci fossero anomalie in tal senso.

Già effettuando una breve ricerca in internet (basta digitare “Fotovideostore.it” oppure “Fotovideostore.it truffa” sul noto motore di ricerca “Google”), era possibile imbattersi in numerosi forum di utenti e consumatori che lamentavano di aver subito i medesimi disagi acquistando sul sito internet.
Anche su “Ciao!”(http://www.ciao.it/Fotovideostore_it__4051806), nel quale sono individuabili una serie di testimonianze di utenti che lamentano di aver subito la truffa, per esempio questa ragazza che narra nel forum :


“ Ho pagato per niente di più di 400 € e ho aspettato per più di 4 mesi e mezzo il denaro. Il proprietario del sito rende tutte le possibili scuse per rinviare il rimborso.Ha messo lo stesso prodotto sul sito web, continua a dire che ha il problema con il fornitore. Mi ha detto che ha trasferito il denaro due settimane fa, infine, ma era una bugia. Ancora lui chiede ancora qualche giorno di rimborso che si trova in situazione di difficoltà. Ma non riesco a capire che un sito di e-shopping non può improvvisare 400 euro per 4 mesi. E 'completamente anormale e fraudolento.”

Insomma,i casi sono tutti simili anche per cifre di molto superiori! Il modus operandi del sito era sempre lo stesso: il cliente ordinava la merce, pagava, non veniva consegnato nulla e quindi chiedeva il rimborso, passavano anche mesi nel frattempo, perché le risposte alle richieste di consegna e di rimborso erano abilmente tese a prendere tempo.

“Invitiamo tutti i consumatori che si riconoscano nel profilo di acquirente raggirato da parte del sito “Fotovideostore.it” a contattarci per aderire all’azione legale intrapresa da Codici la cui udienza avverrà il 15 giugno c.m. e quindi di affrettarsi nel contattarci. Da sempre vigiliamo sulle possibili insidie dei siti ingannevoli e cerchiamo di difendere i consumatori al meglio.” Così Giacomelli del Codici


Per chi fosse interessato ad aderire si può contattare il seguente indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

o visionare la sezione del sito http://www.codici.org/acquisti.html

codici-dacci-il-5