Pasta e fagioli cremosa, densa e favolosa (senza glutine & vegan)

Vota questo articolo
(0 Voti)

Quando ho comprato il mio stupendo tegame di terracotta di Nuova Colì ero decisa a preparare prima di tutto una buonissima pasta e fagioli.

Però non avevo in casa i fagioli secchi, e mettiamoci anche che devono essere italiani, e preferibilmente coltivati in una particolare zona d'eccellenza, ho dovuto rimandare la mia pasta e fagioli.

Ho preparato comunque delle squisite lenticchie, naturalmente italiane, per essere precisi Umbre.

I fagioli invece provengono dalla Toscana, perché quando è possibile cerchiamo di mangiare i prodotti della nostra terra, costano un po' di più è vero, ma io preferisco non mangiare le lenticchie del Canada o della Turchia o altri legumi che arrivano da chissà dove.

Purtroppo non sempre in etichetta è specificata la provenienza e a me questo proprio non piace.

Finalmente sono riuscita a cucinare la pasta e fagioli nel tegame di terracotta, che meraviglia!

Mi sono ricordata che mia mamma la preparava spesso e aveva la sua ricetta favolosa tanto che gli amici si facevano invitare proprio per mangiare la sua pasta e fagioli.

Ho trovato il suo quaderno delle ricette e mi sono ispirata ai suoi suggerimenti, con la certezza di ottenere un piatto superlativo.

Già perché lei alla fine ci aggiungeva... continuate a leggere la ricetta e lo saprete!

INGREDIENTI per 4 persone

* fagioli borlotti secchi gr. 250

* mezzi rigatoni gr. 150 (senza glutine per i celiaci)

* carota sedano cipolla

* olio evo q.b.

* brodo vegetale o acqua l.1

* vino rosso fermo 1 bicchiere

* farina di riso 1 cucchiaio

* passata di pomodoro 1 bicchiere

* foglie di basilico 5

* foglie di salvia 2

La sera prima mettete a bagno i fagioli per tutta la notte, e al mattino sciacquateli più volte poi cuoceteli in abbondante acqua fin quando sono teneri.

Ci vorrà circa 1h30 ma se usate la pentola a pressione i tempi si dimezzano, in ogni caso non salate l'acqua e non aggiungete niente altro.

A cottura terminata, scolateli e teneteli da parte.

Affettate le verdure per il soffritto e poi fatele stufare in 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva insieme alla salvia tritata, per una decina di minuti.

Aggiungete i fagioli e mescolate bene quindi lasciateli insaporire e riscaldare poi aggiungete un bicchiere di vino rosso, mescolate e lasciate evaporare.

Quando i fagioli si sono asciugati, distribuite un cucchiaio di farina di riso (serve per vellutare e dare cremosità), mescolate per incorporarla al resto e poi aggiungete la passata di pomodoro, quindi mescolate ancora.

Aggiungete il brodo bollente coprendo abbondantemente i fagioli e lasciate cuocere a fuoco lento, mantenendo caldo il brodo rimasto.

Cuocete il tutto per una ventina di minuti, aggiungendo altro brodo nel caso dovesse asciugarsi troppo.

Se usate acqua invece del brodo ricordatevi di salarla leggermente.

Togliete metà dei fagioli e frullateli con un frullatore ad immersione o come preferite, quindi aggiungete la pasta e cuocetela per il tempo indicato.

In questo caso ho usato il formato "mezzi rigatoni n° 20 con acqua di sorgente del fiume Verde" di DELVERDE, ma per la versione gluten free scegliete il formato che preferite.

Quando mancano pochi minuti alla cottura della pasta rimettete nella pentola i fagioli frullati e incorporateli bene al resto.

La consistenza deve essere cremosa e densa quindi aggiungete i liquidi sempre poco alla volta.

Prima di servire insaporite ulteriormente con le foglie di basilico spezzettate, il tocco finale della pasta e fagioli di mia mamma.

Impiattate e condite con un cucchiaino di olio extra vergine d'oliva.

Adoro questa pasta e fagioli!