Come curare gli infortuni sportivi

Vota questo articolo
(0 Voti)

L’attività sportiva di qualunque genere espone ad una serie di rischi legati al movimento, al contatto e all’ambiente.

Questi rischi si concretizzano in una serie di patologie, da trauma e non, da affrontare con un minimo di preparazione per ridurre rischi secondari. In caso di infortunio è necessario capirne l’origine per intervenire nel miglior modo possibile.

Esistono rimedi molto efficaci utilizzati nel trattamento degli infortuni da trauma sportivo: dai rimedi tipo naturale e omeopatico a veri e propri rimedi farmacologici a base di FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei).

Quindi una ferita o un’abrasione senza fuoruscita o con una piccola perdita di sangue può essere trattata con una tintura madre di calendula.

Una normale contusione deve prima di tutto essere trattata con ghiaccio nell’istante dell’impatto e successivamente con arnica o creme antinfiammatorie da applicare localmente. Se le contusioni presentano ematomi è bene usare creme a base di escina, un estratto dei semi di ippocastano capace di intervenire sul ricambio elettrolitico locale aumentando la resistenza dei capillari, riducendo la permeabilità vasale favorendo così l’eliminazione dei liquidi interstiziali accumulatisi.

In caso di infortuni da trauma distorsivo senza alcuna lesione dei legamenti può essere necessario assumere dei farmaci antinfiammatori per via orale oppure della bryonia e della calcarea fluorica come cura omeopatica.

Ci sono poi i traumi muscolari, dalla semplice contrattura, da curare con una crema a base di arnica e artiglio del diavolo, al più complesso stiramento che deve necessariamente essere valutato da un fisioterapista che n indicherà la terapia adeguata.

Insomma esiste un rimedio per tutti gli infortuni ma la cosa fondamentale è la prevenzione. Evitate di fare sforzi troppo pesanti se non siete allenati!